Testata Clan
 

INGANNATORI

Lammasu, Casata delle Profondità

"Posso mostrarti le cose più meravigliose. Prendi la mia mano e cambierò per sempre la tua vita."

Prima che ci fosse la terra, il grande oceano copriva il mondo. Gli Angeli che dominavano questo vasto e possente reame erano chiamate Nereidi, ed erano tra le più belle creazioni di Dio. Erano sorgenti e muse, e il loro potere risuonava con la passione che spronava le arti e la ricerca di sapienza e verità. Le Nereidi erano nate per ispirare l'umanità, per attirarla verso i miseri e spingerla ad avventurarsi nel mondo, al fine di scoprire le sue meraviglie nascoste. Il loro potere gli dava una fine comprensione dei desideri umani, ma Dio si era assicurato che il vasto golfo del mare si sarebbe sempre frapposto tra loro. Non sarebbe passato molto prima che tale dispiacere per la distanza fosse troppo grande. Guardando indietro, molti Ingannatori credono che se Lucifero non si fosse fatto avanti, prendendo lo stendardo della rivolta, sarebbe stato solo questione di tempo prima che lo facessero le Nereidi. La Caduta galvanizzò gli Ingannatori, che usavano i loro poteri per ispirare sia Mortali che Angeli ribelli, nella lotta contro il Paradiso. Divennero i simboli viventi della lotta, mostrando le migliori qualità della resistenza e spingendo gli altri ad imitarli. Ancora meglio, sostenevano il morale dei ribelli, anche nelle giornate più buie, guarendo ferite spirituali che nessun Flagello o Divoratore avrebbe potuto lenire. La devozione di questi Caduti, ispirò gli atti più eroici della guerra, ponendo le basi di un epica romantica, che ancora risuona nell'inconscio collettivo dell'umanità. La perdita della guerra fu un terribile colpo per gli Ingannatori, che non avevano mai tentennato nella loro convinzione della giustizia della ribellione. Sebbene fossero molto più abituati all'isolazionismo della maggior parte dei Caduti, furono i primi a soccombere alle agonie dell'Abisso, recidendo il dolore della loro perdita con incandescenti lame d'odio. Ora che i cancelli dell'Inferno sono aperti e gli Ingannatori liberi, possono impiegare le loro astuzie in una civiltà in cui le apparenze sono valutate più di tutto il resto. Possono portate uomini e donne ad atti di ossessione, gelosia e desiderio, che rovinino famiglie, terminino carriere o rovescino interi governi. Possono anche incoraggiare l'umanità nella comprensione della filosofia, ricerca ed arte, e fornire una visione di bellezza nella trista realtà del mondo moderno. Essi sono stati creati come misteri viventi, pericoli e ingannevoli, pensati per ispirare atti di coraggio e forza, che alimentino la crescita dell'animo umano.

Fazioni: la maggior parte diventano Umanisti o Distruttori. Nel primo caso, essi sono stati soggiogati dall'umanità, reagendo con piacere o quantomeno rispetto, nei confronti della rinnovata relazione con la razza umana. Nel secondo, invece, agiscono come amanti rifiutati, esigendo una sottile (ma indimenticabile) vendetta su coloro che gli hanno inflitto questo devastante tradimento. Inoltre, i Distruttori spezzano cuori e anime, e seminano discordia, solo per vedere affiatati gruppi dissolversi tra amare recriminazioni e violenza. In alternativa, pur disapprovando la civiltà moderna, scelgono gli Umanisti. Agognano la meravigliosa visione del mondo prima della guerra, e riconoscono che gli Umani ne sono una parte essenziale. Alcuni Lammasu possono essere affascinati dalle cerchie di Luciferiani o Cercatori, a seconda delle loro affiliazioni ed esperienze durante la guerra. Pochissimi, però, diventato Riconciliatori. Anche se lo volessero, la maggior parte degli Ingannatori sanno che non c'è strada per il ritorno ai Cieli, e, una volta che le vecchie barriere sono state rotte, non possono più venire ricostruite.

Fazioni tipiche: Distruttori e Umanisti.

Fazione evitata: Riconciliatori.

Preludio: sono attratti dal vano e dall'appassionato. I loro ospiti non sono mai spirituali o calcolatori in vita, ma piuttosto persona con una grande gioia del fisico e dell'immediato. Non sono necessariamente individui promiscui, ma che preferiscono spendere tutto quello che hanno per l'ultimo capo di moda o il giocattolo più veloce. Spesso sono ossessionati da cose triviali, costantemente ricercando di accordare con accuratezza il presente, come per ignorare il grande panorama di cambiamenti attorno a loro. Gli idealisti che attraggono gli Ingannatori, non sono interessati in astratte teorie e pragmatiche realtà, ma al tentativo immediato di cambiare il mondo. I più lungimiranti candidati sono artisti che cercando di rappresentare grandi fette della realtà nei loro lavori, sicuri di poter catturare tutte le complessità che la riguardano. Altri candidati possono essere profondamente toccati dalle questioni umane. Coloro che hanno amato molto profondamente senza essere ricambiati, quelli che hanno supportato una causa per poi venirne traditi, anche queste persone possono concentrasi sul presente, dove sentimenti di autocompatimento e pensieri di futile vendetta, possono rimpiazzare vero dolore o rabbia. Un'altra categoria di ospiti comuni è quella di chi ha sofferto per la propria arte in senso letterale: artisti affamati, scrittori falliti e musicisti da bassifondi, dallo spirito spezzato dal rifiuto, dai debiti e dalla dipendenza.

Fede: raccogliere "Fede" è difficoltoso per molti Ingannatori, perché non abituati alla vicinanza con gli Umani. Ottenere l'attenzione della gente è facile, ma non focalizzarla. Con indiscriminato uso delle loro Maestrie, un Ingannatore più facilmente raccogliere un largo gruppo di seguaci (e plausibilmente causare qualche rivolta nel processo), ma questa folla gli è poco di aiuto. Cieca adulazione e autodistruttiva brama, non sono "Fede", anche se con pazienza, possono fornire fondamenta su cui crearne. In definitiva, un Ingannatore deve convincere i suoi seguaci che sono degni dei doni che gli offre. Molti di questi doni coinvolgono espandere la percezione al di là dell'Ingannatore stesso, in un mondo più ampio. Fanno si che i loro servitori sviluppino da soli la propria conoscenza e, più importante, la loro intuitiva comprensione di ciò che li circonda. Questo può portare a un generale senso di illuminazione, o a un più specifico punto focale o argomento. Spesso si manifesta in artigianato artistico o espressività in forme più dirette, come attivismo politico o sociale. Questa comprensione conferisce rinnovata fiducia in sé stessi, che può portarlo a resistere anche a effetti sovrannaturali di paura o coercizione.

Creazione del personaggio: gli Attributi Sociali sono di primaria importanza. Tutti sono rilevanti e, indipendentemente dalle condizioni del corpo ospite, questo deve apparire esteticamente sopra la norma. Abilità come "Empatia", "Sotterfugio", "Socializzare" e "Sopravvivenza" sono per loro istintive. L'origine degli Ingannatori come Spiriti dell'acqua, gli ha una leggerezza che solitamente si traduce in un'alta "Destrezza", e buoni punteggi in "Atletica" e "Furtività". Molti non sono preoccupati da dettagli come la conoscenza della letteratura e dei suoi argomenti, e vedono la politica umana molto triviale.

Tormento di partenza: 3

Maestrie di Casata: gli Ishhara ispiravano gli Umani come muse, grazie alla Maestria del Desiderio; i Mammetum incoraggiavano il cambiamento, domando la sapienza della Trasfigurazione; gli Adad governavano il vento, le acque e gli elementi del mare, padroneggiando la Maestria della Tempesta.

Maledizione: con la Caduta, la loro maledizione fu quella di vedere gli Umani perdersi nella ricerca del piacere, piuttosto che sondare la realtà e cercare l'ispirazione.

Debolezza: sono esseri irrazionali, imprevedibili, che possono cercare di deviare dal percorso stabilito ad ogni attimo, portando un intero gruppo ad impantanarsi in una spirale di frivolezze e trivialità. Praticano l'inganno al di là di un fine o di un'utilità precisa, e possono diventare petulanti o turbolenti alla minima provocazione. Per evitare questi comportamenti, spesso necessitano di spazio. Più la situazione diventa ordinata e claustrofobica, più facilmente scattano contro i loro cari, fanno qualcosa di inatteso o semplicemente si allontanano in un'altra direzione, ma questi comportamenti sono difficili da prevedere, e possono anche manifestarsi giorni dopo l'evento scatenante o non manifestarsi del tutto.